L’uso di lozioni autoabbronzanti prima dell’abbronzatura avrebbe mitigato le possibilità di bruciare come se fossi una persona dalla pelle scura?

Grande domanda, poiché questa è la domanda più frequente che mi viene fatta dai pazienti mentre si preparano per le loro vacanze al sole.

Molte persone pensano che ottenere una “abbronzatura base” prima di andare in vacanza li aiuterà a evitare di scottarsi. Ahimè, non è vero!

Anche con l’abbronzatura, puoi aumentare la tua esposizione da 15 minuti a un’ora. Ora non dimenticare che quando ti abbronzi ti viene la pelle più scura perché hai danneggiato la pelle e il tuo corpo sta cercando di proteggerti da ulteriori danni causati dal sole.

Vorrei suggerire di sostituire lozioni autoabbronzanti per schermo solare in modo da evitare di bruciare e mantenere la pelle più giovane più a lungo.

Spero che questo aiuti 🙂

Related of "L’uso di lozioni autoabbronzanti prima dell’abbronzatura avrebbe mitigato le possibilità di bruciare come se fossi una persona dalla pelle scura?"

No.

autoabbronzante è (per brevità) solo una macchia chimica.

La luce solare (UV) che viene assorbita dalla pelle crea melanina come difesa da ustione: a seconda del tipo di pelle, alcune pelli sono inibite dalla melanina e quindi brucerai. Le ustioni ripetute aumentano le probabilità di cancro della pelle.

attenersi a un SPF25 o superiore. utilizzare le aree di prova prima di applicare un nuovo prodotto a tutto il corpo; alcuni filtri solari possono irritare.

In breve, no. Una pelle abbronzata senza sole non è più difesa né vulnerabile verso l’esposizione al sole.

Lozioni autoabbronzanti funzionano tramite alcuni composti, come il diidrossiacetone, che possono reagire con lo strato di cellule morte della pelle e quindi produrre un colore, simulando un’abbronzatura. [1]

La melanina, nel frattempo, non è solo una tintura. Le sue proprietà di assorbimento UV non sono semplicemente dovute al suo colore scuro: il colore scuro infatti assorbe più luce per natura, ma solo luce visibile, non lo spettro UV. La base delle proprietà assorbenti UV della melanina non è ancora definitivamente stabilita, ma sono state proposte tre teorie: lo spettro di assorbimento UV è dovuto alla dispersione; la melanina è un semiconduttore amorfo che esibisce naturalmente l’assorbanza della banda larga; o che la melanina ha una grande quantità di ererogeneità / disturbo chimico che la porta ad avere un ampio spettro di assorbimento grazie agli spettri di assorbanza sovrapposti delle sue numerose specie. L’ultima ricerca [2] si spinge più verso la terza spiegazione. Ma in breve, la melanina è un tipo speciale di pigmento; non assorbe i raggi UV semplicemente grazie al suo colore scuro.

L’equivalente di melanina non è “cose ​​oscure” – l’equivalente è agenti di protezione solare, sostanze chimiche speciali che sono progettate per assorbire la luce UV e trasformarla in calore (agenti chimici come avobenzone o tinosorb) o riflettono la luce UV (agenti fisici, come come ossido di zinco.) Per simulare la protezione che la melanina fornisce per la tua pelle, devi indossare la protezione solare.

Note:

[1] Concia senza sole: cosa devi sapere – Mayo Clinic

[2] https://people.smp.uq.edu.au/Ben

Lozioni autoabbronzanti sono solo una macchia che sembra essere la stessa (o almeno simile a quella che non ti rende arancione) colore come pelle abbronzata.

Ma in realtà non sono un’abbronzatura.

Le abbronzature sono causate dalla luce UV del sole che danneggia la pelle, per cui la pelle cerca di proteggerti aumentando la quantità di melanina sottocutanea (il colore marrone dell’abbronzatura). Questa melanina fornisce ALCUNA protezione dal Sole in quanto blocca parzialmente gli UV del Sole dalla penetrazione nella pelle, ma se si è stati conciati allora c’è già qualche danno.

I blocchi solari / i filtri solari proteggono la pelle, ma non li abbronzi durante l’uso. Ciò significa anche che non danneggerete la pelle tanto usando o entrambi. La protezione offerta da Sun-Blocks / Sunscreens dipende dal fattore di protezione solare (SPF) e generalmente più alto è l’SPF, più la pelle è protetta dal sole e minore è il rischio di contrarre il cancro della pelle.

In una parola, no. Perché le sostanze chimiche non forniscono una barriera, per quanto leggera, che sarebbe naturale la melanina.