Se l’intestino tenue “fuoriesce” dalla cavità addominale durante l’intervento chirurgico, esiste un metodo per rimetterlo? La posizione relativa dell’intestino nella cavità importa?

La posizione relativa dell’intestino non importa molto perché si muove sempre all’interno della cavità addominale. Importa quando stiamo “correndo l’intestino” alla ricerca di blocchi o problemi all’interno dell’intestino.

Durante l’intervento viene prestata molta attenzione per garantire che l’intestino non “si rovesci”. Se per qualche motivo gli intestini dovessero cadere sotto il campo sterile ma non fossero sul pavimento, il chirurgo probabilmente li rimetterebbe dentro, lavare molto bene la cavità e chiuderla. Altri antibiotici osservano il paziente per l’infezione. Altre opzioni includono la separazione degli intestini e il riattacco agli intestini “sterili” ancora sul campo sterile. Ovviamente i chirurghi pesano sui benefici per i rischi. Quindi tocca a loro. La maggior parte potrebbe forse dipingere l’area con betadine e rimetterli all’interno del paziente.

Solo la mia supposizione educata. Dal momento che lavoro in chirurgia. Non mi sono mai imbattuto in un problema con chiunque facesse cadere intestini o fuoriusciti in modo problematico.

Related of "Se l’intestino tenue “fuoriesce” dalla cavità addominale durante l’intervento chirurgico, esiste un metodo per rimetterlo? La posizione relativa dell’intestino nella cavità importa?"

In normali circostanze operative c’è molto spazio per rimettere le budella dentro la cavità addominale. E il mesentere, a meno che non sia difettoso, impedisce che l’intestino si pieghi. Alla fine della chirurgia addominale aperta sollevate i lati dell’incisione, ogni cosa cade bene sul posto e cucite.

I problemi sorgono quando ci sono errori preesistenti nelle aderenze intestinali (difetti mesenterica, malrotazione, bande di Ladd ecc.) Aderenze da una precedente malattia non chirurgica che legano l’intestino in nodi, strane ricostruzioni chirurgiche dell’intestino oggigiorno per lo più bypass gastrici e poi lì sono ernie sia nella parete addominale che nella strana ernia retroperitoneale.

E poi ci sono le volte in cui ogni cosa è gonfia così tanto che non va bene.

Questo è un incubo. Abbiamo trucchi ma è un incubo prolungato.

Quando usi il termine “fuoriuscite”, immagino che la maggior parte dei surgoens pensi che la roba verde fuoriesca dall’intestino perché i tempi in cui gli intestini escono dal ventre sono persino peggiori di quelli verdi che fuoriescono dall’intestino.

Nessun metodo per rimettere i contenuti SB nell’SB. La procedura abituale è quella di bloccare il difetto SB, lavare l’addome, quindi riparare / resettare l’SB, se necessario. La posizione non è generalmente importante a meno che non sia o prossimale alla terza porzione del duodeno.

Per alcuni tipi di intervento chirurgico, ad esempio sull’aorta o sulla colonna vertebrale, l’intestino tenue è nel modo e deve essere spostato. Di solito è raccolto in un sacchetto di plastica, tirato fuori dall’addome e spostato su un lato.

A volte è necessario “eseguire” l’intestino tenue, estraendolo pezzo per pezzo per verificare che sia tutto in buone condizioni o per trovare un’area problematica.

Purché sia ​​mantenuto caldo, umido e sterile, non vi è alcun problema con la rimozione temporanea dell’intestino dalla cavità addominale.

Metti l’intestino nella pancia. Sollevare i bordi della e agitare. Gli intestini tornano al loro posto.