Intereting Posts
Perché i medici di BAMS non tengono conto delle spiegazioni scientifiche e scientifiche? I virus sono davvero microrganismi? Quali sono due tipi di procarioti? Come convincere mia madre a smettere di prendermi in giro ogni volta che prendo la mia temperatura / chiedo a mio padre (che è un dottore) per la sua opinione Se uno studente di medicina non è in grado di rompere il NEET, significa che lui / lei è stupido e non può fare nulla di buono? Quanto tempo ci vuole in genere per diventare un medico di medicina d’emergenza negli Stati Uniti, e cosa è coinvolto nel processo di diventare uno? La farmacia è una professione ben remunerata in Canada? I farmacisti sono richiesti in Canada a partire dal 2017? Ci sono fibre di cromatina da 30 nm? Con 645 marchi in NEET 2017, per quali college sono idoneo? Qual è la differenza tra un test delle urine di prova che viene immerso nelle urine. Per la tua urina inviata al laboratorio? Quanto allenamento ci vuole per essere in grado di trattenere il respiro per 15 minuti? Come ottenere il massimo del corpo estivo Sto vivendo punti neri nella mia visione. Ce n’è solo uno, delle dimensioni di un seme di sesamo, proprio nel mezzo della mia visione. Ho avuto un intervento laser ai miei occhi alcuni mesi fa, per riattaccare la retina. C’è una causa per questo? Come possono essere affrontati i problemi di burnout nella scuola di medicina? Se metti un serpente nella macchina di qualcuno e loro finiscono in un incidente automobilistico, puoi essere accusato di omicidio?

Hai sensi di colpa con malattie croniche?

Se dovessimo essere onesti, non conosco troppe persone con dolore o malattia cronica che non hanno provato alcun senso di colpa a causa della loro condizione. La mia esperienza personale e sentimenti?

Ovviamente. Mi sono sentito in colpa per il fatto di avere una condizione che dura da 36 anni senza fine, che ho dovuto ritirarmi dagli appuntamenti, di nuovo fuori dagli impegni dovuti a questa dd (dannata disabilità). Che ho perso rare opportunità a causa di questa condizione, (nel mio caso la fibromialgia e paralisi cerebrale) non può viaggiare bene, quindi non ho visto mia figlia da quando aveva 19 anni. Non posso guidare a lungo stint e non più vola bene. Il fatto che sia malato ha un impatto sulla mia capacità di guadagnare abbastanza reddito, così mio marito e io potremmo vivere in modo più efficiente e confortevole. Che dobbiamo avere assistenti sanitari, che non “vedono” una disabilità, quindi il mio chiedere aiuto a volte sembra “stupido”. La lista continua.

Il problema più grande non è solo il venire a un’accettazione della nostra condizione, ma quanto ci viene ostentato di non essere “brave persone” perché non possiamo lavorare o abbiamo bisogno di qualche forma di antidolorifici. Comprendiamo la vastità del problema della dipendenza, ma quello che sta accadendo ora è la convinzione che QUALCUNO per qualsiasi ragione che abbia problemi di dolore abbia un problema di dipendenza, e che il mio amico, peggiori le nostre vite.

Related of "Hai sensi di colpa con malattie croniche?"

Voglio dirvi come sto venendo (e lo sono), ma in realtà è semplicemente duro.

L’aspetto più difficile è la colpa e la vergogna che mi lava.

Mi sento in colpa per il bisogno di riposare invece di giocare fuori con i bambini.

Mi vergogno di essere malato anche se difendo salute e benessere.

Mi rattrista che devo dire preventivamente di no agli eventi e alle attività perché saranno troppo per me.

Alcuni giorni non mi sento come me.

Anche se questo non è incoraggiante per te da leggere, spero che aiuterà quelli con malattie croniche a sapere che gli altri si sentono come loro. Se conosci qualcuno con una malattia cronica, forse questo ti aiuterà a capirli un po ‘meglio.

Molte persone che soffrono di una malattia cronica non sembrano malate. Tuttavia, lottano anche con i compiti più semplici. Le cose che non richiedono alcuno sforzo dalla maggior parte delle persone, prendono tutta l’energia che riescono a raccogliere.

A volte le persone ci guardano come se fossimo pigri perché non ci coinvolgiamo in molte attività. Quando la verità è, il nostro coinvolgimento potrebbe innescare una fiammata che comporterà poi settimane di affaticamento e malattia.

Non vogliamo dire di no, ma dobbiamo.

Sono consapevole che la colpa e la vergogna sono spesso infondate. Va bene che i bambini giochino fuori senza di me. Va bene dire di no agli eventi e alle riunioni. Va bene avere bisogno di aiuto.

Non possiamo essere tutto per tutte le persone. Solo Dio può farlo.

Sto consegnando il mio senso di colpa e la vergogna per chiedergli di trattenermi mentre mi sforzo di fare il meglio che posso. MillionaireMatch

Sono un malato cronico di malattie mentali.

È molto sfortunato in un mondo in gran parte moderno e intellettualmente progressista che nutriamo ancora una reazione viscerale ai problemi di salute mentale. Per quanto cerchiamo collettivamente di sottoscrivere un approccio politicamente corretto alla salute mentale, in effetti, lo stigma rimane fermamente intatto e, di conseguenza, la relativa colpa.

Personalmente non provo sensi di colpa. Abbattuto, forse. Certamente non colpa.

Secondo la mia opinione, qualsiasi individuo che sopravvive ad un altro attacco indesiderato di depressione, il suo decimo attacco di panico in un giorno, un’allucinazione o qualsiasi altro modo di sintomo indesiderato associato alla sua malattia non merita la colpa. Meritano una medaglia sanguinosa.

Omg – SÌ! Mi sento in colpa ogni volta che non riesco a farcela a lavorare, perché i miei colleghi devono coprire il mio lavoro, per le riunioni mancanti – alcune delle quali sono corso, dovendo chiedere l’elemosina in famiglia e gli eventi mancati – mia nipote è una ballerina competitiva (ha 11 anni) e ho perso più delle sue competizioni rispetto a quello che ho frequentato lo scorso anno.

A volte il peso del senso di colpa è un fattore scatenante per un attacco come qualsiasi altra cosa.

No. Niente affatto. Sono arrabbiato che la ricerca sia stata compiuta così male che io e moltitudine di altri abbiamo una vita di malattia, malattie croniche create dall’uomo e che nonostante le informazioni corrette fossero disponibili dal 1959 in poi, non è stato corretto. Ho passato più di 30.000 ore a risolvere i miei problemi di malattia cronica. Non riesco a immaginare perché dovrei essere colpevole di essere malato. Mia madre ha insistito perché era sicura che fosse intenzionale a farla sembrare cattiva.

Credo che chiunque abbia una condizione cronica non possa aiutare a piedi un senso di colpa per l’incapacità di fare ciò che desidera fare.

Ho avuto dolore cronico da un grave incidente automobilistico nel 1994. Ha cambiato radicalmente la mia vita e talvolta penso di essere ancora la persona che ero prima.

Ma non lo sono.

È difficile accettare e vivere con, per me e per la mia famiglia, con cui vivo.