Ogni cellula di un tumore è geneticamente identica l’una all’altra?

No.
Mentre tutte le cellule di un dato tumore sono “clonali”, cioè tutte derivano da una cellula comune che è rimasta incastrata anni prima, i tumori si evolvono nel tempo a causa della loro intrinseca instabilità genomica ed epigenetica, rendendo un tumore abbastanza geneticamente eterogeneo, e quindi più difficile combattere. Più il tumore è avanzato, maggiore è la sua eterogeneità cellulare.

Il processo di una cellula normale che diventa cancerosa è chiamato “trasformazione maligna”, un processo che spesso richiede anni o decenni. Quindi il palpabile,
1 cm ^ 2 di massa che si trova nel loro seno potrebbe essere iniziata come una singola cellula dieci o 15 anni fa, ma è geneticamente alterata dal suo stato nativo.

“Con rare eccezioni, i tumori spontanei provengono da una singola cellula. Tuttavia, al momento della diagnosi clinica, la maggior parte dei tumori umani mostra una sorprendente eterogeneità in molte caratteristiche morfologiche e fisiologiche, come l’espressione dei recettori della superficie cellulare, il potenziale proliferativo e angiogenico. In larga misura, questa eterogeneità potrebbe essere attribuita alla plasticità morfologica ed epigenetica, ma esiste anche una forte evidenza per la coesistenza di cloni di cellule tumorali geneticamente divergenti nei tumori. In questa prospettiva, riassumiamo le fonti di eterogeneità fenotipica intra-tumorale con enfasi sull’eterogeneità genetica. Esaminiamo l’evidenza sperimentale dell’esistenza dell’eterogeneità clonale intra-tumorale nonché della frequente divergenza evolutiva tra tumori primitivi e escrescenze metastatiche. Inoltre, discutiamo le potenziali implicazioni biologiche e cliniche dell’eterogeneità clonale intra-tumorale. “ Eterogeneità del tumore: cause e conseguenze.

Guarda anche:

http://www.nature.com/nature/jou…

Comprensione emergente dell’eterogeneità del tumore multiscala

Related of "Ogni cellula di un tumore è geneticamente identica l’una all’altra?"