Perché le persone cercano di sfuggire alla realtà attraverso la droga?

Dimmi:

  • Guardi la tv?
  • Leggi la fiction?
  • Vai in vacanza?
  • Ascolti musica?
  • Vai sui social media?
  • Vai al cinema?
  • Ti piace essere intrattenuto?

Queste sono tutte distrazioni. Perché usiamo queste distrazioni? Da cosa vogliamo essere distratti?

LA REALTÀ! La realtà fa schifo. È troppo noioso o troppo spiacevole per confrontarsi costantemente, giorno dopo giorno. Quindi, quando la realtà arriva a te (sarà inevitabile) andare a fumare una canna o vedere un film.

Related of "Perché le persone cercano di sfuggire alla realtà attraverso la droga?"

È un riflesso umano naturale a rifuggire da esperienze negative come il rifiuto, l’isolamento, lo stress, il dolore, il desiderio e la depressione. Per i tossicodipendenti il ​​modo più familiare per evitare questi è smorzando questi sentimenti per uso di sostanze.

Per gli umani le droghe sono una via d’uscita, una fuga dal dolore (sia fisico che emotivo o mentale). I farmaci offrono un sollievo temporaneo. Si sentono liberi e liberi, anche se per poco tempo è quasi come se non avessero problemi … Poi si schiantano. La realtà scende più forte di prima e sono lasciati con la loro colpa per aver tentato di sfuggirla. Per alcuni, l’unica soluzione è temporanea e costosa, più farmaci. Questo diventa il ciclo fino a quando entrambi muoiono o trovano aiuto da qualche motivazione esterna.

In alcuni casi estremi, le persone dipendono dalle droghe, non solo per la fuga, ma nel timore del ritiro. Diventano così dipendenti dalla droga che non si preoccupano dei suoi effetti, oltre a tenerli lontani dal dolore di stare senza.

L’abuso di droghe è come qualsiasi altra modalità di fuga dalla realtà, come le attività ricreative: giocare, leggere libri, guardare film. Leggere libri per esempio, in particolare la narrativa speculativa, crea un regno immaginario che consente al lettore di sfuggire alla sua realtà. Allo stesso modo, la marijuana, che ha effetti allucinogeni, lascia che l’utente sfugga alla sua realtà ingannando se stesso un regno immaginario, che è tecnicamente lo stesso della lettura (sì, sottinteso che leggere equivale a usare le erbacce, ma almeno non nello stesso grado).

La ragione per cui evitiamo imminenti eventi avversi è perché abbiamo il meccanismo di fuga, il nostro comportamento per allontanarci dalla dura realtà.