Quanto velocemente l’ebola si diffonderà ad Hong Kong?

Ciò dipende in larga misura dal fatto che l’epidemia iniziale sia contenuta o meno con successo. Il periodo di incubazione è attualmente riconosciuto da qualche parte tra 2 e 21 giorni, che è francamente una gamma molto ampia. Quindi mettiamo due casi là fuori, uno per il contenimento riuscito e l’altro per il fallimento.

Hong Kong ha un sistema medico molto forte in atto. I costi sono bassi, l’accesso è elevato e la città ha esperienza con altre malattie di natura pandemica come l’epidemia di SARS. In tal caso, nonostante la sua natura estremamente contagiosa, la risposta di Hong Kong alla SAR è stata rapida e ben controllata. Quindi se un passeggero su un aereo o su una barca viene identificato come un rischio di ebola, Hong Kong sarebbe relativamente sicuro.

D’altra parte, se una persona infetta venisse a Hong Kong, durante l’estate, quando molte quantità di fluidi corporei vengono espulse attraverso il sudore, Hong Kong dovrà affrontare un grave disastro. Quanto a quanto sarà grande questo disastro, nessun modello di computer sarà veramente preciso. Ci sono semplicemente troppe superfici condivise tra Hong Kong, in particolare con i mezzi pubblici.

Immagina un turista infetto da Ebola, con una lunga incubazione di dire le 3 settimane massime. A quel tempo, se il turista dovesse uscire tutti i giorni, la quantità di persone che potrebbero aver bisogno di essere messe in quarantena sarà già tra le centinaia di migliaia.

Related of "Quanto velocemente l’ebola si diffonderà ad Hong Kong?"

Austin Li, una correzione: l’ebola non è contagiosa durante il periodo di incubazione. L’intervallo di tempo durante il quale un paziente è pubblicamente contagioso è il primo da uno a cinque giorni dopo l’incubazione, il primo da uno a cinque giorni di malattia sintomatica effettiva, in cui sono malati ma ancora in grado di muoversi.

Austin Li Gli Stati Uniti hanno un sistema medico molto “forte”, eppure Ebola ne ha uccisi 1 e ne ha divisi altri 2.

Non c’è spazio per l’eccessiva sicurezza con questa malattia.